Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Cogli l'attimo fuggente
Regole del forum
Sezione riservata alla discussione di tecniche fotografiche, materiale fotografico e altri argomenti attinenti alla fotografia.
I reportage e le immagini fini a se stesse vanno postate in altri forum più attinenti.
Avatar utente
JEBO
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 10275
Iscritto il: 08/01/2009, 21:53
Gommone: MAR SEA 100 CM.
Motore: MERCURY 115HP. 4T.
Località: BOLOGNA- 6 Settembre 1942
Contatta:

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda JEBO » 14/05/2015, 10:49

le spiegazioni di una piccola recensione in italiano :wink:
http://www.webnews.it/2015/05/13/lily-d ... si-lancia/





Condividi



Lomac 2001- Marshall 60- Marshall 80 ( il 4,40 poi il 4,60 ) - Marshall 90 - Marsea 100. " You only live twice....one life for you, and one for your dreams " canale youtube mauro.mezzinivideo

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
Uauaton V
Abituale
Messaggi: 2535
Iscritto il: 30/09/2013, 17:28
Gommone: CAB Silverado 9
Motore: Yamaha 350 e Yamaha 6 come ausiliario
Contatta:

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Uauaton V » 14/05/2015, 16:30

ho seguito negli anni vari progetti, ma sempre su carta e con preordine, frusta mentre io preferisco comperare quello che c'è già in commercio e sopratutto vicino a casa, dato che i miei soldi sono buoni, il prodotto più lontano l'ho comperato a Rimini anche se veniva prodotto dai Cinesi ma aveva la garanzia di un negozio serio ( Sportcamera.net ) si sono comportati bene e mi hanno accompagnato nell'apprendimento facendomi assistenza telefonica anche con il modem.
Pretendo sempre una certa garanzia e quindi il bottegaio sotto casa lo preferisco.
AI progetti sulla carta do un'occhiata ma non sono disposto ad essere il primo che paga le esperienze altrui, perchè tra dire e fare c'è sempre di mezzo il mare e . )212(
grazie dell'info ciao :wink: :bene:

Avatar utente
gioxxi
Abituale
Messaggi: 4090
Iscritto il: 28/02/2007, 11:38
Gommone: Mar.Co twentythree
Motore: Mercury Optimax 225hp
Località: Lecce - Salento - Italia

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda gioxxi » 15/05/2015, 15:08

Uauaton V ha scritto:ho seguito negli anni vari progetti, ma sempre su carta e con preordine, frusta mentre io preferisco comperare quello che c'è già in commercio e sopratutto vicino a casa, dato che i miei soldi sono buoni, il prodotto più lontano l'ho comperato a Rimini anche se veniva prodotto dai Cinesi ma aveva la garanzia di un negozio serio ( Sportcamera.net ) si sono comportati bene e mi hanno accompagnato nell'apprendimento facendomi assistenza telefonica anche con il modem.
Pretendo sempre una certa garanzia e quindi il bottegaio sotto casa lo preferisco.
AI progetti sulla carta do un'occhiata ma non sono disposto ad essere il primo che paga le esperienze altrui, perchè tra dire e fare c'è sempre di mezzo il mare e . )212(
grazie dell'info ciao :wink: :bene:


in una pagina FB di Euronics si annuncia che da inizio 2016 sarà disponibile per l'acquisto.... nei negozi!
1999:zodiac 350 futura+ evinrude 15hp
2000: marlin480+mercury superamerica>evinrude 40hp 4t>evinrude e-tec 50hp
2009: Mar.co 64 altura+mercury optimax 200hp
2016: Mar.co 23+mercury optimax 225hp

Avatar utente
Saxthemax
Il Gommonauta tirolese
Il Gommonauta tirolese
Messaggi: 14310
Iscritto il: 02/05/2005, 7:11
Gommone: Mar.Co Altura 53
Motore: Mercury F40 EFI Orion
Località: Bolzano
Contatta:

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Saxthemax » 15/05/2015, 19:04

Uauaton V ha scritto:ho seguito negli anni vari progetti, ma sempre su carta e con preordine, frusta mentre io preferisco comperare quello che c'è già in commercio e sopratutto vicino a casa, dato che i miei soldi sono buoni, il prodotto più lontano l'ho comperato a Rimini anche se veniva prodotto dai Cinesi ma aveva la garanzia di un negozio serio ( Sportcamera.net ) si sono comportati bene e mi hanno accompagnato nell'apprendimento facendomi assistenza telefonica anche con il modem.
Pretendo sempre una certa garanzia e quindi il bottegaio sotto casa lo preferisco.
AI progetti sulla carta do un'occhiata ma non sono disposto ad essere il primo che paga le esperienze altrui, perchè tra dire e fare c'è sempre di mezzo il mare e . )212(
grazie dell'info ciao :wink: :bene:


Oggi ho guardato questo video
http://tecnologia.tiscali.it/videogalle ... 7&ord=date
non mi pare proprio un "fake" anzi...
se non avessi appena acquistato un nuovo gps/eco per il gommo penso che investirei volentieri in questo drone...
i miei gommoni....
Immagine

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
Uauaton V
Abituale
Messaggi: 2535
Iscritto il: 30/09/2013, 17:28
Gommone: CAB Silverado 9
Motore: Yamaha 350 e Yamaha 6 come ausiliario
Contatta:

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Uauaton V » 15/05/2015, 22:35

per ora mi attesto alla qualità che ho già ottenuto, ( mi avrebbe fatto gola questo http://www.fpvfactory.com/buy-commercia ... rsion.html ma le antenne di visione a terra non sono il massimo del resto come la batteria 4S 4200mAh LiPo: senza carico 19 minuti e dice senza carico,,,, mentre il http://www.sportcamera.net/prodotto/nuo ... ese-aeree/ ha una batteria da 5200 che fa 25 minuti di volo effettivo quindi 5 minuti prima si fa rientrare anche se la telemetria da tutti i dati come essere in aereo, guarda i video sulla telemetria e già quella fa godere la batteria si sotituisce in 5 secondi a terra ovviamente unico inconveniente che di batterie bisogna averne almeno 3 per godere un po e la batteria si ricarica in circa 60, minuti- però c'è un caricabatterie multiplo per la ricarica in contemporanea di 3 batterie che con quello di serie si arriva a ricaricare 4 batterie in contemporanea se sul gommone c'è un buon inverter )

Ci sono due categorie
quelli che comperano un modellino e lo fanno volare senza se o ma e si divertono assai :b:
altri li guidano e vorrebbero esserci sopra, e per questo motivo vogliono da terra sapere tutto sul volo del modellino ( e li vedi godere ) )212(
è la stessa cosa di chi compera una GoPro 4 e cambia i settaggi ad ogni inquadratura diventando matto ma sfuttando al massimo quanto ha pagato

è una cosa che poco a poco ti prende diventa un hobby e poi una brutta malattia perchè i soldi e il tempo da spendere non sono mai abbastanza frusta frusta

con un modellino che mi segue personalmente non avrei alcuna soddisfazione ( alcuni anni fa gli aereomodelli volavano e al massimo si imparavano le acrobazie, ora si pilotano come un vero aereo anche se sei a terra e magari neppure si guardano prendendoci la mano, tanto che se sali su un vero aereo hai buone provabilità di riportarlo a terra sano ) (del resto la simulazione di bordo si esercita a terra )

cosa ne dici della foto allegata, capire il 90% di questi strumenti mi fa godere, ( ma quello che mi fa godere di più è sapere come interagiscono come funzionano, il perchè il perchè,,, non so se ti ho reso l'idea

quel modellino di quadricottero sfutta già quanto molti Droni hanno per il volo cioè il rientro alla base e la rotazione sugli assi come le Gimbal ( le gimbal hanno di solito 3 configurazioni a disposizione per l'uso che se ne fa ) se verrà venduto a quel prezzo che indicano mi sembra molto, molto caro, veramente troppo:giu: in quanto il Dji per esempio costa 500€ di più ma è tutta un'altra pasta :bene:

staremo al balcone ( già seguivo un drone Finlandese che stava sul pugno di una mano e in teoria doveva fare le medesime cose con l'autonomia di 15 minuti a non più di 20 metri dalla persona che lo lancia ma i progetto stenta a decollare è vogliono preordini, per un qualche cosa che non si sa come va a finire, certo che piccolo che sta in un pugno di una mano è interessante)
Allegati
IMG_4071.1.jpg
IMG_4071.1.jpg (95.29 KiB) Visto 4914 volte

Avatar utente
Uauaton V
Abituale
Messaggi: 2535
Iscritto il: 30/09/2013, 17:28
Gommone: CAB Silverado 9
Motore: Yamaha 350 e Yamaha 6 come ausiliario
Contatta:

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Uauaton V » 21/05/2015, 12:29

ogni giorno un giocattolo nuovo peò, però, però pero sempre a corrente,,, mentre l'aquilone non ne ha necessità, se trainato dal gommone o con una brezza marina :bene:
questo è un'altra proposta https://www.kickstarter.com/projects/as ... ideo_share

www.ascentaerosystems.com .

inutile dire che per i ricconi lo spazio d'azione è vasto quanto il cielo guardate la tabella :ok:

ma io rimango sognatore e l'aquilone mi avvicina agli amici velisti e ai bambini :b: :b: :b:
Allegati
65bd437f26b46482933c0f730cec5eff_original.png
65bd437f26b46482933c0f730cec5eff_original.png (310.02 KiB) Visto 4854 volte
98fa06f124174904a8ddb787e810ca7c_original.png
98fa06f124174904a8ddb787e810ca7c_original.png (264.57 KiB) Visto 4854 volte

Avatar utente
Uauaton V
Abituale
Messaggi: 2535
Iscritto il: 30/09/2013, 17:28
Gommone: CAB Silverado 9
Motore: Yamaha 350 e Yamaha 6 come ausiliario
Contatta:

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Uauaton V » 13/06/2015, 22:24

ora non sono più un gioco ma si pensa alla loro utilità

https://www.youtube.com/watch?v=3tcTatleg00

ma se vogliamo tenere i piedi a terra

https://www.youtube.com/watch?v=jh7VVs0D-zU 580€ ma al momento che io ho guardato era esaurito

https://www.youtube.com/watch?v=Qpg8N0DETto

https://www.youtube.com/watch?v=N5ICkwE7VFk

ma quanti aggeggi usciranno nei prossimi anni ???

https://www.youtube.com/watch?v=s_KFIT8nWF8
www.electro-shop.de

Avatar utente
Uauaton V
Abituale
Messaggi: 2535
Iscritto il: 30/09/2013, 17:28
Gommone: CAB Silverado 9
Motore: Yamaha 350 e Yamaha 6 come ausiliario
Contatta:

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Uauaton V » 12/04/2016, 12:33

https://www.youtube.com/watch?v=4vGcH0Bk3hg

Oggi ho guardato questo video
http://tecnologia.tiscali.it/videogalle ... 7&ord=date
non mi pare proprio un "fake" anzi...
se non avessi appena acquistato un nuovo gps/eco per il gommo penso che investirei volentieri in questo drone...[/quote]

Da quello che si sa per ora in quanto di prossima distribuzione ( coi mi ha detto che ha già anticipato il parziale pagamento frusta ) ha un problema e speriamo sia risolvibile alla svelta altrimenti mi sembra una grande cavolata:

La batteria interna non si può semplicemente sostituire con una già carica ma è neccessario ricaricarla e con i tempi che conosco ci vuole molto tempo quindi nell'immediato se non verrà risolto il problema ripetute riprese sono impensabili frusta
intanto date un'occhiata alla macchia Mediterranea e al mare di Donoratico di ieri https://www.youtube.com/watch?v=SelY35YmT8U

Avatar utente
Uauaton V
Abituale
Messaggi: 2535
Iscritto il: 30/09/2013, 17:28
Gommone: CAB Silverado 9
Motore: Yamaha 350 e Yamaha 6 come ausiliario
Contatta:

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Uauaton V » 15/04/2016, 8:21

ormai il DJi Phantom 2 è obsoleto :sorry: ma che fa la differenza è sempre la Gopro 4 :ok: :clap:

https://www.youtube.com/watch?v=XHbE8yptTs8





per la cronaca il Phantom 4 l'ho provato nella modalità seguimi e effettivamente ora è un bel prodotto peccato che non galleggia come il mio Mariner )212( , ma si sa,,, ci danno tutto con il contagocce tanto per incrementare le vendite, un po come tutti i mercati dall'auto alla lavatrice frusta

almeno sul Drone DiJ Phantom4 si può cambiare la batteria e riprendere nuovamente il volo ( preparatevi il Phantom futuro Boh il 5/6/7 starà a galla, così fregheranno gli Americani detentori di questo mercato. :iagree:

Il mio Mariner che ovviamente galleggia ecc. ecc. non ha nulla di eccezzionale anche gli altri hanno i motori impermeabili ( tutti i motori sono isolati altrimenti non funzionerebbero anche gli asciugacapelli hanno il motore isolato, come tutti i motori elettrici del resto ) quindi l'unico problema è che non pervenga umidità nelle parti interne al Drone, ovviamente la DiJ ci proporrà a pezzi dopo pezzi a € dopo € l'evoluzione della specie

Avatar utente
Uauaton V
Abituale
Messaggi: 2535
Iscritto il: 30/09/2013, 17:28
Gommone: CAB Silverado 9
Motore: Yamaha 350 e Yamaha 6 come ausiliario
Contatta:

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Uauaton V » 16/04/2016, 8:11

già mi sono scordato questo è il Mariner distribuito anche in Italia, ( https://www.youtube.com/channel/UC1UFJM ... C3A6_bXfYw )

all'epoca io però l'ho preso negli Usa da ( http://www.ambientreallife.com/product/ ... lashdrone/ )

e poi sono stato assistito da il Volo di Milano http://www.il-volo.it in viale Monza chiaramente la quantità di batterie per ogni giretto è tripla sia per il Drone che per apparecchio cioè 3 pezzi cad. Monitor Drone e Radiocomando (è un bel peso da portarsi dietro anche se il tutto è contenuto in una valigetta.

ora godetevi un video di pubblicità girato in un bel posto ai Caraibi ( che per conto mio sono troppo popolati, senza parlare degli uragani periodici )

https://www.youtube.com/watch?v=UU7TI7GRN-4
Allegati
Mariner.jpg
Mariner.jpg (5.25 KiB) Visto 4333 volte

Avatar utente
Uauaton V
Abituale
Messaggi: 2535
Iscritto il: 30/09/2013, 17:28
Gommone: CAB Silverado 9
Motore: Yamaha 350 e Yamaha 6 come ausiliario
Contatta:

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Uauaton V » 16/04/2016, 11:23

per non parlare del drone per la mia passione,,,, questo dovrebbe seguirmi durante l'immersione e quindi potrei dire addio ai miei 12 Kg. di telecamera 3D con l'immensa fatica di gestione batterie ai Polimeri tanto difficili da trasportare in aereo (ci metterei 2 Gopro 3+ che sono le sole che abbinate possono fare il 3D ) e il gioco è fatto
si chiama iBubble :clap: :clap: )212(

http://ibubble.camera/en/autonomous-underwater-camera/


sembra che i tempi di realizzazione siano lunghi cioè fine 2017 pazienza :sorry: aspetterò :iagree:
Allegati
iBubble-drone.jpg
iBubble-drone.jpg (19.39 KiB) Visto 4329 volte
drone-ibubble.jpg
drone-ibubble.jpg (15.2 KiB) Visto 4329 volte
provisional-specifications-1.jpg
provisional-specifications-1.jpg (54.75 KiB) Visto 4329 volte

Avatar utente
Paolo.75
Attivo
Messaggi: 58
Iscritto il: 17/11/2014, 14:03
Località: Oristano

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Paolo.75 » 02/01/2017, 19:09

Riuppo la discussione, per farmi le ossa ho preso un aquilone Delta della PM Model più un comodo avvolgicavo a manovella, provato ieri in campagna, molto facile e divertente nonchè stabile, almeno con vento leggero...
DELTA.jpg
DELTA.jpg (104.13 KiB) Visto 1801 volte

GOPRO-FRAME.jpg
GOPRO-FRAME.jpg (60.11 KiB) Visto 1801 volte


Ora vorrei portare in volo la mia Gopro 4 con un telaio in alluminio da rivestire con materiale antiurto il tutto da montare su un picavet, vorrei chiedere se per agganciare il picavet al cavo principale è meglio ricavare delle asole tramite nodi nel cavo oppure sei si possono usare questi fermi da avvolgere
CLIP.jpg
CLIP.jpg (18.5 KiB) Visto 1801 volte

o interessanti queste a pressione
CLIP KAP.jpg


Poi altra domanda, come mai questa differenza di prezzo tra i kapfoil http://www.alivola.it/aquiloni_monofilo_KAP.asp e i power sled con anima in fibra di vetro che sembrano molto simili http://www.alivola.it/aquiloni_monofilo ... sled-1.asp ?

Avatar utente
Uauaton V
Abituale
Messaggi: 2535
Iscritto il: 30/09/2013, 17:28
Gommone: CAB Silverado 9
Motore: Yamaha 350 e Yamaha 6 come ausiliario
Contatta:

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Uauaton V » 03/01/2017, 0:16

Il telaio in alluminio triplica il peso della Gopro quindi bocciato meglio la sua custodia di plastica assai più leggera e anche impermeabile, per agganciarmi ci faccio i nodi che anche quelli non pesano, per l'aquilone preferisco Alivola perché gia provati con velocità di 60/70km/h e non si lacerano :b:

Avatar utente
Cerri
Abituale
Messaggi: 9056
Iscritto il: 18/11/2007, 10:50
Gommone: BELUGA PERONDI 19"
Motore: suzuki 115
Località: Como

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Cerri » 03/01/2017, 9:19

Si fa presto a dire drone! Ecco tutto quello che c'è da sapere prima di acquistare un drone

https://www.enac.gov.it/La_Normativa/No ... 71512.html

Questi piccoli aeromobili tecnologicamente molto avanzati offrono diverse modalità di controllo, dai classici telecomandi utilizzabili in loco, fino agli smartphone e ai tablet di ultima generazione da utilizzare anche in remoto, e vengono utilizzati per un’infinita gamma di attività.

La loro poliedrica propensione ad adattarsi a diversi campi rappresenta una grande opportunità per la nascita di interessanti prospettive dal punto di vista imprenditoriale e occupazionale. Se ne stanno accorgendo i grandi colossi dello shopping online che, già da qualche tempo stanno mediaticamente attirando l’interesse degli utenti garantendo per il futuro prossimo consegne super rapide dopo l’avvenuto acquisto (basti pensare al progetto Prime Air di Amazon autorizzato dalla Federal Aviation degli Stati Uniti d’America). E ancora ci sono tante attività in cui utilizzare un drone in abbinamento con una telecamera è diventato usuale e fondamentale: rilievi archeologici, riprese aeree, sorveglianza e analisi del territorio, monitoraggio a distanza di attività criminali, ricerca di dispersi in caso di calamità naturali o attività di salvataggio e tanto altro.

Tuttavia, essendo dei veri e propri velivoli (la parola “drone” infatti, indica una speciale categoria di oggetti volanti denominata APR - Aeromobili a Pilotaggio Remoto o, all’inglese, UAV - Unmanned aerial vehicle), devono sottostare a precise norme racchiuse nel Regolamento dei Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto, resosi necessario negli ultimi anni in quanto questi aeromodelli hanno ottenuto il lasciapassare per l’utilizzo civile.

In realtà, poiché il ricorso a velivoli radiocomandati in ambito civile è quanto di più svariato si possa immaginare e in sempre più paesi ne è vietato l’uso indiscriminato per non intralciare il traffico aereo o non interferire con gli strumenti di posizionamento dell’aviazione (ad esempio i radar), la questione di una normativa per la regolazione dell’utilizzo dei droni è in continua evoluzione.
L’ENAC, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, che ha la responsabilità anche di questa categoria di velivoli, dopo aver redatto una prima serie di norme base che ne disciplina l’uso in ogni condizione con il massimo del rispetto per le norme di sicurezza (in vigore dall’aprile 2014), ha dovuto introdurre modifiche o aggiornare singoli punti al passo con lo sviluppo di nuovi e più performanti droni, per la nascita di nuove attività che ne prevedono l’utilizzo o, semplicemente, per le tante critiche ricevute dagli appassionati e dagli esperti di settore non pienamente soddisfatti.

Per questo motivo, a metà 2015 (in vigore dal 15 settembre dello stesso anno), è stata pubblicata una seconda versione aggiornata del Regolamento dei Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto che, con i successivi emendamenti si è adeguata in parte all’Aeronautica Militare e in parte all’EASA (Ente per l’Aviazione Civile Europeo).

L’ENAC ha così reso noto una volta per tutte le indicazioni specifiche sulle autorizzazioni necessarie per i piloti (esclusivamente quelli “professionistici”), sull’equipaggiamento, sulle certificazioni da ottenere prima del volo, sul tipo di droni utilizzabili in ambito civile e tanto altro.

Molti si chiederanno ma serve un patentino drone?

Vediamo insieme cosa bisogna sapere prima di acquistare un drone e a quali principali regole, di buonsenso e non, bisogna attenersi per non causare danni a cose o persone o incorrere in sanzioni da parte della polizia o delle autorità competenti.

Partiamo da alcune norme generali:
• l’utilizzo dei droni come strumenti di divertimento o per sport (droni ricreativi) non prevede alcun documento, patentino, certificazione o assicurazione, anche se quest’ultima è sempre consigliabile per “volare” sereni. Chi, invece, utilizza un drone per lavoro o per trarne profitto (fotografi, autori di riprese professionali) deve necessariamente aver fatto una scuola di pratica di volo o essere autorizzato dall’ENAC in base a specifici requisiti da dimostrare all’ente stesso, oltre che essere in possesso della documentazione necessaria per certificare il rispetto degli standard di sicurezza applicati dal produttore al drone in uso (certificato o permesso di navigabilità).
• Si vola solo di giorno e mai di notte ed è obbligatorio dare sempre la precedenza a tutti gli altri mezzi (parapendio, aeroplani, elicotteri ecc.).
• Il pilota potrà effettuare riprese private e pubblicare il tutto sui social network, a patto di non violare la privacy degli altri, o volare negli spazi pubblici, purché non in città, centri urbani, luoghi affollati o giardini pubblici.
• Per i modelli dotati di GPS, quindi automatici, è previsto una sorta di lasciapassare, a patto che siano sempre sotto il controllo visivo del pilota, il quale deve poter prendere in ogni momento il pieno controllo del drone stesso, dal decollo fino all’atterraggio, per evitare rischi inutili.

Esistono regole precise anche in base al tipo di drone scelto. Chi non è in possesso di un patentino per aeromobile a pilotaggio remoto, deve “limitarsi” all’utilizzo di droni con massa inferiore ai 25 kg e motori con potenza totale inferiore a 15 KW. E’ comunque sempre consigliabile acquisire una buona capacità di pilotaggio prima di mettersi alla guida di un drone il cui peso già superi i 2 chilogrammi, limite oltre il quale un impatto arreca sicure lesioni.

La distanza massima visiva tra il velivolo e il pilota consentita dal regolamento ENAC per droni è pari a 200 metri, mentre l’altezza massima di volo non deve superare i 70 metri (150 metri per chi possiede una specifica autorizzazione). Inoltre bisogna verificare che non ci si trovi a una distanza inferiore ai 5 chilometri dagli aeroporti, poter vedere, evitare e farsi vedere dagli aeromobili e, infine, mai trovarsi in aree di spazio aereo dove sia esplicitamente proibito volare (no flight zone, come i centri storici di grandi città).

Alle norme previste dal Regolamento dei Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto si aggiungono quelle appartenenti al comune buonsenso. Si consiglia di scegliere spazi aperti senza alberi per evitare di perdere il contatto visivo con il velivolo, luoghi distanti da strade, evitare spazi recintati, in quanto un’eventuale recupero del drone potrebbe essere problematico o si andrebbe a violare la proprietà privata di altre persone, non volare in caso di presenza di forti raffiche di vento per evitare che il drone si allontani dalla nostra vista, evitare zone dove ci sono grossi ripetitori TV che, normalmente, causano interferenze in grado di far perdere il controllo del mezzo.

Dopo aver fatto una breve panoramica della regolamentazione prevista dall’ENAC per il volo di droni ricreativi e di alcune norme di buon senso, ecco alcuni suggerimenti da tenere bene in mente prima di acquistarne uno tra i tanti che affollano gli scaffali di centri commerciali o negozi di elettronica, anche se la scelta definitiva, ovviamente, è sempre su base personale.

Innanzitutto pilotare un drone non è semplice come utilizzare uno smartphone. Il controllo di un oggetto volante infatti, dipende da molti fattori, dalle abilità personali che si acquisiscono con la pratica, alla tipologia di drone prescelto fino ai relativi comandi di controllo. Ad esempio, ogni drone è dotato di un tipo diverso di flight controller, ossia il chip che ne regola l’attività di volo. Per questo motivo non tutti i droni sono uguali e averne un’infarinatura generale prima di scegliere quello che fa per sé sarebbe un ottimo punto di partenza.

In base al costo di un drone è, in linea di massima, possibile capire quanto difficile sarà pilotarlo, in quanto il rapporto tra difficoltà di controllo e prezzo segue delle regole quasi sempre ben definite. Per quel che riguarda i droni economici, spesso sono molto difficili da controllare poiché il controller è sprovvisto di comandi specifici che aiutano il pilota a controllarlo al meglio. I droni di fascia media invece, sono quelli più indicati per chi è alle prime armi, poiché i relativi controller offrono comandi specifici base e permettono a tutti di farsi le ossa facilmente. La difficoltà di controllo aumenta di nuovo con i droni di fascia alta, i quali nascono per esigenze professionali e, per questo motivo, manovrabili solo da un pilota esperto.

Tuttavia la scelta di un drone dipende anche da altri fattori, verificabili al momento dell’acquisto stesso. Le case produttrici infatti, non sempre offrono prodotti completi e già pronti per solcare i cieli sopra le nostre teste. Esistono delle sigle poste sulle confezioni da controllare per non incorrere in delusioni dell’ultimo momento:
• la sigla RTF, Ready To Fly, indica che il drone in oggetto è pronto a volare appena fuori dalla scatola.
• la sigla BNF, Bind And Fly, indica che il drone acquistato non è provvisto di controller, il quale va preso separatamente e, soprattutto, deve risultare compatibile con quel determinato modello di drone.
• ARF infine, che sta per Almost Ready To Fly, indica un drone parzialmente assemblato e che richiede l’intervento manuale dell’acquirente per volare. I kit di completamento di un drone ARF possono anche non essere presenti nella sua confezione, quindi è fondamentale controllare cosa esattamente c’è e cosa manca.

Leggendo sin qui, avrete capito che acquistare un drone e utilizzarlo secondo le regole non è un gioco da ragazzi! Per questo motivo, è importante investire non solo nella qualità del drone stesso, ma anche negli accessori.

Il controller è, probabilmente, l’accessorio più importante tra quelli disponibili per questo tipo di hobby. Sceglierne uno di qualità, qualora non fosse già presente nella confezione del drone, deve essere una priorità. Buoni controller durano da un minimo di 2 a un massimo di 5 anni e consentono di aggiornare il trasmettitore per diventare compatibili con nuovi droni.

Un altro accessorio che è fondamentale acquistare di buona qualità è il caricabatterie. Anche in questo caso, uno dei vantaggi che otterrete affidandovi a prodotti di qualità è la compatibilità con più tipologie di batterie. I droni cambiano e con essi la potenza delle batterie. Un buon caricabatterie accoglie senza problemi diversi tipi di batterie, ricaricandole velocemente e con il massimo dell’affidabilità.

Sempre più società propongono sul mercato modelli di droni “consumer” (da non considerare però droni giocattolo!), che attirano la clientela per forme e dimensioni sempre più particolari.
Da una breve analisi del mercato attuale abbiamo stilato una lista dei droni più appetibili da poter acquistare, sia per chi è alle prime armi e vuole solo testare la propria nascente passione, sia per chi vuole investire molto più che pochi euro per dare sfogo al proprio hobby.

• DJI PHANTOM 3
Il DJI Phantom 3 è considerato uno dei migliori droni in commercio. Si tratta di un modello di dimensioni medie, dal prezzo abbastanza considerevole (si parte dai 900 euro della versione Standard fino ai 1.400 di quella Professional) in grado di registrare video in 4K fino a 30 fotogrammi al secondo e scattare fotografie con una risoluzione pari a 12 megapixel.

• DJI INSPIRE 1
Il DJI Inspire 1 è un particolare tipo di quadricottero di grandi dimensioni, dall’aspetto fantascientifico e dalle funzionalità altrettanto fuori dalla norma: ripresa video HD in streaming, registrazione filmati in 4K, funzionamento dual-pilot, stabilizzazione del flusso ottico, velocità massima pari a 81 km/h e facilità d’uso senza pari. D’altronde il prezzo di questo drone supera i 3.000 euro e si tratta di un prodotto altamente professionale solitamente utilizzato per la fotografia aerea, videografia, ricerca e soccorso in caso di emergenza e interventi in operazioni specializzate critiche di tipo militare.

• HUBSAN X4
Tra i droni di piccole dimensioni e dedicati ai principianti troviamo l’Hubsan X4, la cui versione più economica (ne esistono 4) è disponibile sul mercato a soli 40€ (controller compreso). Tra le principali caratteristiche troviamo 6 luci al LED, telecamera per registrazioni video e modalità First Person View per visualizzare ciò che il drone vede in tempo reale (quest’ultima solo nella versione più costosa da 120 euro circa).

• BLADE NANO QX
Un altro modello di drone molto piccolo è il Blade Nano QX, che per soli 70€ offre due modalità di volo, una totalmente manuale, denominata Agilità, e una “controllata” che va sotto il nome di Stabilità. L’unica pecca sta nel fatto che, essendo un quadricottero di dimensioni ridotte, è difficile vederlo bene a grandi distanze e ciò ne rende più difficile il controllo.

• PARROT BEPOP DRONE
Il Parrot Bepop è un modello di drone che potrebbe benissimo rappresentare l’intera categoria in quanto a tecnologia utilizzata, velocità di movimento e dimensioni ridotte. Ovviamente il top si paga sempre un po’ di più e il Parrot Bepop, pur essendo un drone piccolo, costa non meno di 450 euro. Tralasciando il fattore economico però, è chiaro che questo drone ha pochi rivali nella sua categoria: possibilità di controllo via smartphone (iPhone o dispositivi Android) con applicazione dedicata, gamma di funzionalità estese, SkyController con joystick reali (da acquistare a parte), uscita HDMI e sistema video all’avanguardia (fotocamera da 14 megapixel con 180 gradi di campo di vista, ripresa live dei video trasmessi direttamente su smartphone o tablet, registrazione video a 1080p)

• LATRAX ALIAS
Il LaTrax Alias è un ottimo quadricottero per imparare a comandare un drone manualmente, senza l’ausilio di funzionalità automatiche. La sua resistenza a urti e cadute, nonostante le piccole dimensioni, lo rende uno di quei droni “da combattimento”, in grado anche di ospitare una piccola macchina fotografica, trasmettitori video e audio e trasformarsi in qualcosa di più performante e professionale. Data la sua propensione a essere utilizzato da aspiranti piloti alle prime armi, il costruttore ha pensato bene di ideare una struttura a parti removibili per la sostituzione. Il tutto a 130 euro.
Ora che conoscete tutte le opzioni e le regole sulla loro regolamentazione, buon divertimento con il vostro drone!

Avatar utente
Paolo.75
Attivo
Messaggi: 58
Iscritto il: 17/11/2014, 14:03
Località: Oristano

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Paolo.75 » 03/01/2017, 10:32

Uauaton V ha scritto:Il telaio in alluminio triplica il peso della Gopro quindi bocciato meglio la sua custodia di plastica assai più leggera e anche impermeabile

Infatti il telaio pesa più della Gopro, pensavo fosse più leggero :shock:

Uauaton V ha scritto: per l'aquilone preferisco Alivola perché gia provati con velocità di 60/70km/h e non si lacerano :b:

Ma tra i KAP e i Power Sled di Alivola che differenze ci sono oltre alla struttura in vtr e il prezzo molto minore per questi ultimi?

Cerri ha scritto:[b]Il DJI Phantom 3 è considerato uno dei migliori droni in commercio. Si tratta di un modello di dimensioni medie, dal prezzo abbastanza considerevole (si parte dai 900 euro della versione Standard fino ai 1.400 di quella Professional)

900 euro forse un anno fa, ora 500, almeno lo standard e nel frattempo è uscito il 4. Aggiungo tra i modelli consigliati, tra quelli economici, l'ottimo e popolare Cheerson CX-20 e l'economico Syma X8G o X8HG.

Avatar utente
Uauaton V
Abituale
Messaggi: 2535
Iscritto il: 30/09/2013, 17:28
Gommone: CAB Silverado 9
Motore: Yamaha 350 e Yamaha 6 come ausiliario
Contatta:

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Uauaton V » 06/01/2017, 9:28

io uso normalmente gli aquiloni di piccola dimensione in quanto con il gommone in planata la trazione è elevata e i guanti non si possono neppure più usare quindi lego il filo a una bitta, gli aquiloni che uso sono esclusivamente della Alivola e sono i più piccoli di dimensione questo il Link

http://www.alivola.it/aquiloni_monofilo_KAP.asp


già il Kap Foil 1.6 come trazione è esagerato se usato in traina mentre da terra è più indicato ma in presenza di un vento sostenuto tenetevi un amico vicino altrimenti ve ne andate con lui questo costa parecchio 121,98 €,

perciò un buon compromesso alla traina è il Parafoil Easy " Rainbow " nella misura 56x35 costa solo 23,98 € qui il link

http://www.alivola.it/aquiloni_monofilo_Parafoils.asp

ovviamente sul sito troverete anche come attaccare la macchina fotografica, io ve lo sconsiglio in quanto e peso aggiunto e poi sono necessari vari telecomandi, usate semplicemente il filo ad altalena e con la gopro che scatta a tempo in continuo, che possa comunque scorrere cosi si troverà lei il baricentro, a questo punto dategli voi l'inclinazione verso terra, io gli do sempre circa 30/45°gradi, buon volo :b:

Avatar utente
Paolo.75
Attivo
Messaggi: 58
Iscritto il: 17/11/2014, 14:03
Località: Oristano

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Paolo.75 » 09/01/2017, 0:22

Ma alla fine questi Power Sled che costano meno vanno bene lo stesso, ingombro a parte per via delle stecche?

Oppure col Kap Foil 5 con la brezza estiva di 12 - 20 km/h vado sul sicuro per tirare tranquillamente da terra una Gopro 4?

Avatar utente
Uauaton V
Abituale
Messaggi: 2535
Iscritto il: 30/09/2013, 17:28
Gommone: CAB Silverado 9
Motore: Yamaha 350 e Yamaha 6 come ausiliario
Contatta:

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Uauaton V » 09/01/2017, 8:51

Paolo.75 ha scritto:Ma alla fine questi Power Sled che costano meno vanno bene lo stesso, ingombro a parte per via delle stecche?

Oppure col Kap Foil 5 con la brezza estiva di 12 - 20 km/h vado sul sicuro per tirare tranquillamente da terra una Gopro 4?


Usa i Kap Foil piccoli costano poco resa tanta e trasporto quasi in tasca non avendo le stecche, (fanno sorridere perchè sembrano giocattoli per i bambini ma sono super efficienti io li ho semplicemente copiati e fatti fare con materiali molto più robusti e con doppie triple cuciture perchè al traino vado a circa 40/60 Km/h comunque i primi da 23€ resistevano una stagione ) questo tipo di aquilone riproduce con le camere chiuse dietro, esattamente la forma dell'ala degli aerei in atterraggio e quindi hanno maggior portanza e stabilità, la gopro appesa sarà una pagliuzza per loro e usa i guanti :bene:

Avatar utente
Paolo.75
Attivo
Messaggi: 58
Iscritto il: 17/11/2014, 14:03
Località: Oristano

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Paolo.75 » 09/01/2017, 11:01

Uauaton V ha scritto:Usa i Kap Foil piccoli costano poco resa tanta e trasporto quasi in tasca non avendo le stecche

Piccoli quanto? Il Kap Foil 5 240x200 cm che mi hai consigliato costa pur sempre 319 euro che non è poco, se per i miei usi da terra andasse bene il Kap Foil 3 180x160 cm sarebbe un bel risparmio visto che costa la metà.
Altre due curiosità:
- cavo meglio dacron o kevlar?
- svantaggi di un aquilone delta rispetto a un kap, oltre alla minore portanza del primo?

Avatar utente
Uauaton V
Abituale
Messaggi: 2535
Iscritto il: 30/09/2013, 17:28
Gommone: CAB Silverado 9
Motore: Yamaha 350 e Yamaha 6 come ausiliario
Contatta:

Re: Quadricottero con videocamera HD. Chi l'ha utilizzato?

Messaggioda Uauaton V » 09/01/2017, 19:05

:sorry: devi scusarmi questo è il link, era il secondo link che avevo riportato e riscrivendo a memoria ho cannato, quelli giusti sono tutti 55x35 e hanno quel costo 23€

http://www.alivola.it/aquiloni_monofilo_Parafoils.asp

((( lascia perdere i Kap Foil che giustamente costano troppo e sono anche troppo grandi, quelli ti sollevano anche una persona di 70 Kg. quindi inadatti per la Gopro e poi la loro sacca è grande quanto uno zaino da 15 litri quindi un casino anche il trasporto )))

per la Gopro il Parafoils è l'aquilone perfetto

per il filo, il più adatto è il dacron ( un pochino anche il dacron conduce corrente quindi usa i guanti )

il carbonio non è adatto per via della corrente statica, il vento è pieno di corrente statica (useresti una canna da pesca in carbonio vicino alle linee elettriche, il filo dell'aquilone è 10 volte la canna da pesca quindi bisogna utilizzarlo in aree sicure )


la cosa più importante è leggersi le istruzioni perchè l'aquilone vola e non si può usare vicino agli aeroporti o alle linee elettriche ecc. ecc. ,,,,,,,, stai in campana dove lo usi o lo fai usare, in primo luogo viene la sicurezza poi il divertimento :b:

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.



Torna a “Fotografia e dintorni”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti