Come non affrontare il mare-naufragio catamarano

Discussioni e domande sulle tecniche di conduzione del gommone, sulla sicurezza in mare e sul salvataggio.
Avatar utente
hawk720
Abituale
Messaggi: 3348
Iscritto il: 09/09/2006, 17:40
Gommone: un tempo avevo il focchi 730/honda 225
Località: roma

Come non affrontare il mare-naufragio catamarano

Messaggioda hawk720 » 07/01/2018, 22:18

Difficile riassumere in un breve titolo la sostanza dell'argomento. Comunque , in sintesi:

il 1 gennaio un catamarano salpa dal porto di Ostia sembra alla volta del Brasile :shock: :shock: . Il viaggio dura pochi minuti se non secondi. Il battello di fatto non riesce nemmeno ad uscire dal porto che è travolto dalle onde....

Dalle immagini mi sembra di capire che se quello è il modo di affrontare il mare in uscita da un porto , questi in Brasile non ci sarebbero mai arrivati...

Qui le istruttive immagini.






Condividi




Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


sergetto
Abituale
Messaggi: 1327
Iscritto il: 22/07/2014, 10:45
Gommone: Novamarine RH540
Motore: Mariner 90 ELPTO

Re: Come non affrontare il mare-naufragio catamarano

Messaggioda sergetto » 07/01/2018, 23:03

Davvero incomprensibile come qualche genio decida, e non per dovere, di uscire in mare con avvisi di burrasca in corso.
Proprio qualche giorno fa e proprio quando tutti i bollettini davano avvisi di burrasca, una coppia di "mentecati" è stata recuperata al largo della corsica dalla guardia costera di La Maddalena costretta ad uscire in mare alle 3 del mattino in condizioni proibitive...pare volessero raggiungere le coste laziali.... mah :help:

oliman
Attivo
Messaggi: 159
Iscritto il: 17/11/2017, 15:24
Gommone: Novamarine RH540
Motore: Suzuki df 40/60

Re: Come non affrontare il mare-naufragio catamarano

Messaggioda oliman » 08/01/2018, 15:54

Io gli addebiterei tutti i costi sostenuti per l'eventuale socccorso, non si possono spendere i soldi dei contribuenti per queste persone...

Avatar utente
Akeswins
Doppio rhum e una lattina...
Doppio rhum e una lattina...
Messaggi: 16196
Iscritto il: 30/04/2005, 19:49
Gommone: Vento 500
Barca: Akes 23
Motore: F60 EFI - 200 Optimax
Località: S. John of Sinis
Contatta:

Re: Come non affrontare il mare-naufragio catamarano

Messaggioda Akeswins » 08/01/2018, 16:24

ogni commento è superfluo.. :eek:
Alessandro - Vento 500 con F60 EFI + Akes 23 con 200 Optimax + Colombo 27 con 2 x 260 mercruiser
Immagine

http://www.akesdesign.it

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
Paolo62
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5353
Iscritto il: 19/11/2007, 19:04
Località: Ponte San Nicolò (Pd)

Re: Come non affrontare il mare-naufragio catamarano

Messaggioda Paolo62 » 08/01/2018, 17:46

Certo che quello che ridacchia mentre è in corso il naufragio........ sss_xxx-sss
Siamo qui per portare la nostra opinione o esperienza, non per avere ragione!
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Immagine

Avatar utente
Uauaton V
Abituale
Messaggi: 2694
Iscritto il: 30/09/2013, 17:28
Gommone: CAB Silverado 9
Motore: Yamaha 350 e Yamaha 6 come ausiliario
Contatta:

Re: Come non affrontare il mare-naufragio catamarano

Messaggioda Uauaton V » 08/01/2018, 18:31

è difficile capire perchè uscire a tutti i costi con quel mare, è stata chiaramente una imprudenza costosa e spero che le persone ne siano uscite senza danni, ( mettere a repentaglio la vita propia e altrui non è un buon segno di saggezza ) però mi piacerebbe sentire l'altra campana perchè non vorrei che il motore di sinistra abbia mollato di colpo, comunque i catamarani hanno l'elica poco immersa e con onde importanti come quelle le eliche lavorano malissimo frusta frusta frusta :sorry: quindi mi chiedo chi gli correva dietro :eek: :ask:

Avatar utente
Paolo.75
Attivo
Messaggi: 76
Iscritto il: 17/11/2014, 14:03
Località: Oristano

Re: Come non affrontare il mare-naufragio catamarano

Messaggioda Paolo.75 » 10/01/2018, 12:52


Avatar utente
Akeswins
Doppio rhum e una lattina...
Doppio rhum e una lattina...
Messaggi: 16196
Iscritto il: 30/04/2005, 19:49
Gommone: Vento 500
Barca: Akes 23
Motore: F60 EFI - 200 Optimax
Località: S. John of Sinis
Contatta:

Re: Come non affrontare il mare-naufragio catamarano

Messaggioda Akeswins » 10/01/2018, 13:40

. Nella mattina del 2 gennaio ho chiamato la torre verso le 7:30 sul canale VHF 74 dicendo che stavo per lasciare il porto, quindi volevo restituire le chiavi della marina. La torre mi ha detto che mi avrebbero mandato qualcuno sulla barca per prendere le chiavi. Questa è stata l'unica conversazione che ho avuto con loro prima di lasciare il porto. Nessuno dalla torre mi ha mai consigliato di non uscire in mare come è stato pubblicato. Il tizio che è venuto a prendere le chiavi mi ha detto di stare attento con le onde e che avrei dovuto tenermi vicino al fanale verde, poi ha lasciato il pontile.

2. Dopo aver superato l'entrata del porto non ho fatto nessuna manovra a sinistra come è stato pubblicato, mi stavo dirigendo direttamente verso le onde ma una di loro è si infranta sul catamarano dal lato destro e non ho avuto il tempo di affrontarla nel modo giusto. A questo punto le successive 3 onde hanno colpito la barca sempre dallo stesso lato spingendomi verso le rocce.

3. Dopo l'incidente, abbiamo visto che l'acqua stava entrando molto rapidamente nella barca e il motore di destra non funzionava più, quindi ho chiamato la torre per chiedere aiuto e salvarci, dato che non riuscivo a controllare la barca (forse la barca ha perso un timone in quel momento). La torre poi mi disse che avevano già chiamato la guardia costiera e ci avrebbero soccorso in circa 15 minuti. A questo punto non ci furono ulteriori conversazioni con la torre. Quando affermate che gli operatori della torre :"hanno suggerito ai naufraghi di usare i giubbotti salvagenti in eccesso per tappare la falla sullo scafo destro e di alzare le vele per cercare di riprendere il mare" per poi aggiungere:" hanno suggerito (sempre gli operatori della torre n.d.r.) le manovre necessarie per riprendere il mare e allontanarsi dagli scogli evitando che la barca si distruggesse contro gli scogli ", come è stato pubblicato. tutto questo é semplicemente falso, ho deciso da solo di aprire il genoa, cercando di rimanere lontano dalle rocce.

4. Non c'erano 3 cittadini brasiliani, ma 2 brasiliani e 1 norvegesi.

Vorrei chiederti di pubblicare una nota per informare i tuoi lettori di ciò che è realmente accaduto.

Manderò questa email alla direzione della porta in modo che siano a conoscenza di ciò che è realmente accaduto e delle informazioni sbagliate che la torre ha trasmesso loro.

Grazie,


direi che questa versione non attenua per niente il carico di dabbenaggine dello skipper, che è riuscito a decidere di partire quando non doveva , sbagliare il momento in cui affrontare il treno di frangenti, e non fare alcuna manovra utile a non farsi schiantare sulle rocce. Inutile che stia a puntualizzare.. alla torre di controllo non hanno l' obbligo di raccomandare alla gente di non buttarsi dal balcone
Alessandro - Vento 500 con F60 EFI + Akes 23 con 200 Optimax + Colombo 27 con 2 x 260 mercruiser
Immagine

http://www.akesdesign.it

zikiki
Abituale
Messaggi: 1007
Iscritto il: 01/04/2012, 18:49
Gommone: Bat 660 Indian
Motore: Mercury optimax 150
Località: roma

Re: Come non affrontare il mare-naufragio catamarano

Messaggioda zikiki » 10/01/2018, 13:42

Paolo.75 ha scritto:Ecco la versione dello "skipper":
http://www.solovela.net/4Daction/Web_pa ... %20skipper


Ciao

Non credo ,ma posso sbagliare, che gli addetti del porto non possano obbligare un comandante di qualsiasi imbarcazione a non uscire.
Per me le cose sono due:

1) il comandante con quella imbarcazione ha affrontato mari decisamente peggiori e quindi riteneva fattibile la navigazione in quanto il catamarano(secondo lui) poteva cavarsela tranquillamente con quelle condizioni.
Poi sbagliando l impatto con l' onda di dritta e il conseguente traverso che si è venuto a creare non ha avuto più scampo.

2) È un incapace che ha messo a repentaglio la vita di altre due persone.

sergetto
Abituale
Messaggi: 1327
Iscritto il: 22/07/2014, 10:45
Gommone: Novamarine RH540
Motore: Mariner 90 ELPTO

Re: Come non affrontare il mare-naufragio catamarano

Messaggioda sergetto » 10/01/2018, 15:08

Capacità o meno.
Se sei capace non esci con quel mezzo in quel mare con quella bocca del porto.
Se non sei capace non esci.

Avatar utente
Paolo.75
Attivo
Messaggi: 76
Iscritto il: 17/11/2014, 14:03
Località: Oristano

Re: Come non affrontare il mare-naufragio catamarano

Messaggioda Paolo.75 » 11/01/2018, 12:15

Tra l'altro a me sembra che avesse i motori al minimo, quasi fosse in attesa di essere beccato dalle onde, se fosse uscito dando tutto gas una qualche chance di uscire indenne forse ce l'avrebbe avuta.

Avatar utente
Gommoclassic
Moderatore sez.Gommoni smontabili e Gommoni e Motori d'epoca
Moderatore sez.Gommoni smontabili e Gommoni e Motori d'epoca
Messaggi: 4912
Iscritto il: 30/04/2005, 15:51
Gommone: Selva 680, Callegari 310
Motore: Selva 150 cv ;Evinrude 15 cv
Località: Salerno

Re: Come non affrontare il mare-naufragio catamarano

Messaggioda Gommoclassic » 11/01/2018, 13:05

Con quella manovrabilità e lentezza da pachiderma non poteva avere scampo, alla prima onda seria ha perso il governo dell'imbarcazione e le altre hanno completato l'opera!

Avatar utente
Uauaton V
Abituale
Messaggi: 2694
Iscritto il: 30/09/2013, 17:28
Gommone: CAB Silverado 9
Motore: Yamaha 350 e Yamaha 6 come ausiliario
Contatta:

Re: Come non affrontare il mare-naufragio catamarano

Messaggioda Uauaton V » 11/01/2018, 14:04

Gommoclassic ha scritto:Con quella manovrabilità e lentezza da pachiderma non poteva avere scampo, alla prima onda seria ha perso il governo dell'imbarcazione e le altre hanno completato l'opera!

come vedi il problema è stato come affrontare l'uscita e come governarla ( non aveva il manico in 1° e poi non so se i motori erano a funzionanti al 100%) comunque con un catamarano la propulsione delle eliche con mare mosso non è al massimo quindi e se non conosci le prestazioni della tua imbarcazione con mare agitato stai a casa frusta frusta frusta
Poi non conosciamo moltre altre cose.......... ma l'assicurazione :ask: .......... non sapremo mai il perchè di una manovra che in molti giudichiamo da matto e non voglio andare oltre :sorry:

Avatar utente
hawk720
Abituale
Messaggi: 3348
Iscritto il: 09/09/2006, 17:40
Gommone: un tempo avevo il focchi 730/honda 225
Località: roma

Re: Come non affrontare il mare-naufragio catamarano

Messaggioda hawk720 » 13/01/2018, 15:05

rimetto due link perché sembra che il primo non sia più disponibile:




Avatar utente
Gommoclassic
Moderatore sez.Gommoni smontabili e Gommoni e Motori d'epoca
Moderatore sez.Gommoni smontabili e Gommoni e Motori d'epoca
Messaggi: 4912
Iscritto il: 30/04/2005, 15:51
Gommone: Selva 680, Callegari 310
Motore: Selva 150 cv ;Evinrude 15 cv
Località: Salerno

Re: Come non affrontare il mare-naufragio catamarano

Messaggioda Gommoclassic » 13/01/2018, 16:10

Sarebbe interessante la motivazione che li ha portati a uscire a tutti i costi :?

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.



Torna a “Tecniche di conduzione del gommone, Rescue , Sicurezza in navigazione”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti