Maquillage Flyer 646

Tutorial sui lavori con vetroresina e legno su carene ed in genere . Costruzione di accessori in vetroresina e legno , plancette , consolle , panche , gavoni ecc
Regole del forum
In questo Forum si inseriscono solo Topic che descrivono passo passo i nostri lavori "Fai da te" con lo scopo di fungere da apprendimento ed essere utili a tutti.
Non aprite Topic per porre domande.
I tutorial si possono aprire a puntate . Non si possono porre domande prima che l'autore non abbia completato il tutorial.
Specificare qualndo il tutorial viene suddiviso in più parti.
Un tutorial è un metodo di trasferimento delle conoscenze e può essere utilizzato come una parte di apprendimento .
Più interattivo e specifico di un libro o una lezione , un tutorial cerca di insegnare con l'esempio e fornire le informazioni per completare un determinato compito.
Avatar utente
Blackfin
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9840
Iscritto il: 01/05/2005, 18:59
Gommone: Flyer 646 + Mercury 150 EFI
Motore: Mercury 150 EFI
Località: Castenaso (BO)

Re: Maquillage Flyer 646

Messaggioda Blackfin » 14/08/2018, 10:10

Il piacere è stato reciproco e non solo nel navigare, visto che avete condiviso con noi delle bellissime serate.
Ti ringrazio per la recensione ed il generoso giudizio che ne è derivato.
In effetti il tendalino, che ho sempre tenuto montato anche in navigazione, nato per essere utilizzato con la precedente consolle crea un passaggio un po' troppo angusto, come ha rilevato ripetutamente anche Jebo con uno strumento di misura molto sensibile :wall: .
Penso (devo fare delle verifiche "interne") che la disponibilità di una falchetta rigida dovrebbe consentire una soluzione doppiamente funzionale.
Per quanto riguarda la velocità minima di planata, quella rilevata, è stata ottenuta senza lavorare col trim per tener giù la prua. Ritengo di aver messo insieme una buona "squadra" tra carena, assetto e motore. Lavorano insieme in modo eccezionale per darmi comfort di navigazione ed economia nei consumi (mi riservo dettagli nel post sul Mercury 150 EFI).
In effetti la sistemazione di coperta a prua offre molte possibilità di sfruttamento che mi riservo di saggiare "sulla carta" prima di procedere ad ulteriori upgrade.





Condividi



Novurania360+Envirude25/Yamaha25-NovamarineRH400+Mercury25-Stilnautica480+Suzuki 40 4T- Marshall M90 RT+Suzuki70 4T/YAMAHA 40/60
Flyer 646+Mercury Optimax 150/Mercury 150 EFI
__________________________________
Di fronte al mare cogliamo la nostra vera dimensione

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
Blackfin
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9840
Iscritto il: 01/05/2005, 18:59
Gommone: Flyer 646 + Mercury 150 EFI
Motore: Mercury 150 EFI
Località: Castenaso (BO)

Montaggio flap su Era Ora

Messaggioda Blackfin » 02/10/2018, 9:06

Devo ancora risolvere alcuni "problemini" :roll: ma, intanto sono arrivate le viti inox A4 per il fissaggio:

15384671022368751968708748887813.jpg


Per riprendere l'intervento di Akes, anche i flap originali da 9"x12" che ho in laboratorio hanno la forma, anche se leggermente, "fish tail", con la parte interna allo specchio di poppa (quella dov'è l'elica) rastremata. Per intendersi meglio, alla loro base misurano 228 mm. all'estremità 138 mm.
La scelta su questo modello di superfici di controllo è stata determinata da:
- adeguata lunghezza con ridotta larghezza;
- presenza di irrigidimento sui bordi lunghi dovuto alla piegatura a 90° della lamiera con una altezza delle nervature di 25 mm.;
- utilizzo in fase di manovra a bassa velocità in porto (con flaps entrambi negativi) per diminuire la tendenza alla sbandata della poppa dovuta al peso a sbalzo del fb, in queste manovre i suddetti bordi rialzati lavorano come alettoni stabilizzatori.
Novurania360+Envirude25/Yamaha25-NovamarineRH400+Mercury25-Stilnautica480+Suzuki 40 4T- Marshall M90 RT+Suzuki70 4T/YAMAHA 40/60
Flyer 646+Mercury Optimax 150/Mercury 150 EFI
__________________________________
Di fronte al mare cogliamo la nostra vera dimensione

Avatar utente
Blackfin
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9840
Iscritto il: 01/05/2005, 18:59
Gommone: Flyer 646 + Mercury 150 EFI
Motore: Mercury 150 EFI
Località: Castenaso (BO)

Re: Maquillage Flyer 646

Messaggioda Blackfin » 02/10/2018, 11:22

Vediamo di stimolare l'attenzione anche su questo post. :halo:
La risoluzione dei "problemini" sta sottoponendo a un vero tour de force il mio tornietto

15384755943936814330563980328701.jpg
Novurania360+Envirude25/Yamaha25-NovamarineRH400+Mercury25-Stilnautica480+Suzuki 40 4T- Marshall M90 RT+Suzuki70 4T/YAMAHA 40/60
Flyer 646+Mercury Optimax 150/Mercury 150 EFI
__________________________________
Di fronte al mare cogliamo la nostra vera dimensione

Avatar utente
Blackfin
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9840
Iscritto il: 01/05/2005, 18:59
Gommone: Flyer 646 + Mercury 150 EFI
Motore: Mercury 150 EFI
Località: Castenaso (BO)

Montaggio flaps

Messaggioda Blackfin » 03/04/2019, 15:44

Dopo aver trattato dei perché “generali” nel post: Diversamente flap ,

veniamo al perché abbia deciso di montarli su Era Ora. Fino al cambio di propulsore (avvenuto circa 3 anni fa) le condimeteomarine che mi sono trovato ad attraversare con il mio Flyer 646+Opti 150 non avevano mai evidenziato non dico la necessità ma neppure l’esigenza di montarli (non di acquistarli perché già in mio possesso come recupero dal precedente M90).
Il montaggio del Mercury 150 EFI 4 T, non tanto per il peso (quasi uguale a quello del precedente Optimax) quanto per forma e dimensione del piede (è più corto di 5 cm. e il suo montaggio più basso equivale ad uno più alto del precedente, come si evince dalla foto seguente, in cui il cavalletto è quasi appoggiato allo specchio di poppa) in questa prima stagione di “collaudo” dell’insieme battello-motore mi ha suggerito di apportare delle modifiche per ottimizzarne il rendimento. Dietro consiglio del Sommo ho cercato di trovare il modo di distanziare maggiormente il motore dallo specchio di poppa allo scopo di far lavorare l’elica in acqua meno perturbata dalla scia. Per pura fortuna mi è capitato di trovare usato uno spessore realizzato per un fuoribordo Mercury che con piccole modifiche è stato adattato al mio. Interessante per l’uso perché realizzato con taglio ad acqua ad alta pressione su PVC ad alta densità e con uno spessore di 50 mm.
Eccolo montato:

Spessore montato.jpg


Nel corso dei collaudi in mare mi sono reso conto che la tenuta di mare e di rotta era ottimale entro i 35 nodi. Al di sopra di questa, ottenuta con trim neutro, alzando il trim e la velocità, il battello diventava piuttosto instabile. Non c’è da sorprendersi visto il dislocamento contenuto riguardo alla lunghezza al galleggiamento e la quasi nulla azione dei coni di poppa, quasi a filo dello specchio. Quest’ultima caratteristica se da un lato lo rende estremamente scorrevole per l’assenza di effetto trascinamento, dall’altro, con la massima emersione della carena al superamento delle velocità suddette, rende meno efficace l’azione stabilizzante dei pattini longitudinali interni. In pratica il battello naviga nell’intorno dell’asse di chiglia, peraltro essendo di origine F. Donno, dotata di piatto di poppa e non di spigolo acuto.
Da qui l’idea di ampliare verso l’alto (e, all’occorrenza, il basso) la gamma delle velocità raggiungibili in sicurezza e con buona efficacia del complesso propulsore-elica.
Trattandosi di tuning accessori e parti meccaniche in genere, ho approfondito le soluzioni scelte per il montaggio nel post: Flaps Lenco: un tuning nel tuning
Novurania360+Envirude25/Yamaha25-NovamarineRH400+Mercury25-Stilnautica480+Suzuki 40 4T- Marshall M90 RT+Suzuki70 4T/YAMAHA 40/60
Flyer 646+Mercury Optimax 150/Mercury 150 EFI
__________________________________
Di fronte al mare cogliamo la nostra vera dimensione

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
Blackfin
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9840
Iscritto il: 01/05/2005, 18:59
Gommone: Flyer 646 + Mercury 150 EFI
Motore: Mercury 150 EFI
Località: Castenaso (BO)

Modifica scorrimento e supporti scaletta bagno estraibile

Messaggioda Blackfin » 28/04/2019, 9:54

Era Ora era già dotato al momento del mio acquisto di scaletta da bagno “furba”, nel senso che era a scomparsa all’interno della plancetta bagno (strutturale, non applicata esternamente allo specchio di poppa, una delle caratteristiche imho “vincenti” del progetto Flyer).
Essendo però la lamiera dei tubi della scaletta di spessore risicato (1,2 mm. circa) in corrispondenza dei perni di ancoraggio avevo già nel 2011 provveduto ad una prima modifica facendo saldare due tubi esterni di spessore 2,5 mm concentrici a quelli originali in modo da irrobustire il tutto. Per incrementare la superficie a contatto di scorrimento in fase di estrazione avevo anche “lavorato” esternamente i due tubi in modo da renderne relativamente “piatta” parte della superficie a contatto. Ecco la modifica:

Rinforzo1.jpg
Rinforzo1.jpg (84.25 KiB) Visto 820 volte


Come si vede, quando estesa, la scaletta poggia su due gommini paracolpi neri in gomma avvitati nella vtr. Qui si vedono allo scoperto:

Chiusa supporti2.jpg
Chiusa supporti2.jpg (60.69 KiB) Visto 820 volte


Il vantaggio di avere una scaletta estraibile, quindi al chiuso se a riposo ma senza sporgenze posticce (plancette bagno) dallo specchio, mi ha creato però un problemino quando ho deciso di montare i flaps. Avrebbero interferito la superficie di controllo del flap di dx con la scaletta estesa? Ad una verifica ho rilevato che, pur capitando la superficie del flap di dx nell’intervallo tra due gradini della scaletta, sia pure di poco, sporgeva all’interno di questa.
Ho provveduto così a sostituire i due spessori paracolpi in gomma nera con due in delrin, di maggiore spessore e sagomati in modo da distribuire meglio il carico maggiore derivante dalla scaletta più inclinata rispetto alla verticale originale:

Supporto modif scaletta 1.jpg


Con questa inclinazione la scaletta è risultata così distanziata dalla superficie del flaps:

Distanza flap scaletta1.jpg


Visto che c’ero e con l’esperienza di questi anni di navigazione di Era Ora ho pensato di migliorare anche la resistenza all’ossidazione della scaletta e dei suoi supporti, per forza di cose praticamente immersi in acqua marina e in reciproco scorrimento. Ho realizzato dei “cuscinetti lineari” in delrin bianco da interporre tra l’esterno dei tubi della scaletta e il supporto/cerniera a scorrimento nel contenitore inox della scaletta:

Cuscinetto lineare delrin2.jpg


Come si vede sono forati per consentire il passaggio del perno/cerniera della scaletta, incavati per adattarsi alla parte piatta esterna della scaletta:

Base appoggio cuscin lin1.jpg


e fresati trasversalmente a creare una “gola” per consentire il passaggio di una fascetta in nylon da elettricista che la ancori al tubo all’estremità opposta:

Accoppiam cuscin lin2.jpg


Accoppiam cuscin lin6.jpg


Ecco una sequenza di immagini che illustrano il modo di lavorare del cuscinetto che, oltre che azzerare le “abrasioni da scorrimento reciproco” dell’inox lucido (potenziale punto di attacco della ruggine) fanno anche da “silenziatore” degli sbattimenti dovuti ai sobbalzi in navigazione:

Accoppiam cuscin lin5.jpg


Accoppiam cuscin lin3.jpg


Intervenuto su questo aspetto, come qualcuno avrà già notato in alcune foto ho provveduto a sostituire i perni M8 inox con testa e dado da 13 mm. tutti filettati originali con 2 perni self made partendo da viti M10 (con testa da 17 mm) torniti per renderli lisci sulla parte che lavora da cerniera della scaletta e filettati in M8 sulla parte che accoglie il dado autobloccante da 13. Tutto realizzato (e lucidato) in acciaio A4 (o Aisi 316 che dir si voglia). Ecco le immagini del particolare

Perni modif e lucid1.jpg


Perni modif e lucid2.jpg


Il tocco finale sarà, visto che la lunghezza dei perni è sufficiente, interporre tra dado autobloccante e tubo della scaletta una rondella sagomata in delrin.
Novurania360+Envirude25/Yamaha25-NovamarineRH400+Mercury25-Stilnautica480+Suzuki 40 4T- Marshall M90 RT+Suzuki70 4T/YAMAHA 40/60
Flyer 646+Mercury Optimax 150/Mercury 150 EFI
__________________________________
Di fronte al mare cogliamo la nostra vera dimensione

Avatar utente
Blackfin
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9840
Iscritto il: 01/05/2005, 18:59
Gommone: Flyer 646 + Mercury 150 EFI
Motore: Mercury 150 EFI
Località: Castenaso (BO)

Re: Maquillage Flyer 646

Messaggioda Blackfin » 27/06/2019, 14:11

La collocazione della nuova, più larga consolle, più protettiva per il timoniere e più capiente per strumentazione e comandi ha evidenziato i limiti dimensionali del tendalino inox precedentemente montato.
Uno dei maggiori pregi, imho, del Flyer è la consolle centrale che consente di aggirarla da ambo i lati. La particolare sagomatura della consolle non ne ha penalizzato i passaggi sul calpestio ma, col precedente tendalino (che, a meno di navigazioni particolarmente veloci, è sempre spiegato a protezione degli occupanti) , il passaggio libero in alto, è divenuto un po’ troppo risicato. Studiato il problema ecco la mia soluzione:
Ho disegnato e fatto realizzare (taglio laser e saldatura TIG) due mensole in lamiera inox da 3 mm. che, fissate sui trincarini, hanno costituito una base più larga (di circa 12 cm. per parte) per il nuovo tendalino. Inoltre le mensole sono state prolungate, oltre che in larghezza anche verso prua, in modo da diminuire la lunghezza dell’archetto principale (estensibile a cannocchiale) , coprendo comunque l’area occupata dal timoniere e assistente. Per evitare flessioni e vibrazioni indesiderate ho fatto saldare una nervatura perpendicolare al piano di ogni mensola. Eccole appena ritirate dalla saldatura, seguirà lucidatura cordone saldatura. Qui si vede in prospettiva l’allargamento della base di cerniera del tendalino

Prospettiva 1.jpg


Si può vedere come il punto di base/cerniera del tendalino è interno di poco alla mezzeria del tubolare ed esattamente sopra il margine del trincarino in vtr (cioè non sporge lateralmente rispetto a questo).
A sx dell’attuale base si intravvede la precedente, situata più internamente, in basso e indietro rispetto a questa nuova. Come riferimento dimensionale il palmo di una mano:

Rif.to palmo.jpg


Ecco una vista in pianta con la posizione della precedente base/cerniera

Pianta 1.jpg


Qui un particolare della nervatura di irrigidimento saldata sulla piastra base. Come si vede questa è fissata con 4 viti esagonali M6 con guarnizioni in delrin. Queste fanno da autobloccante, evitano abrasioni all’inox in fase di serraggio (evitandone l’ossidazione), garantiscono tenuta ermetica da infiltrazioni alle bussole sottostanti la vtr.

Part. saldat. 1.jpg


Sotto le cerniere del tendalino ho collocato, con gli stessi scopi + quello di antivibrazioni, uno spessore in pvc bianco. Le viti a brugola che lo fissano sono avvitate nella piastra da 3 mm. (fori filettati M5) e bloccate inferiormente con dadi ciechi inox poggiati su rondella a spessore in delrin:

Part. saldat. 2.jpg


Part. base 1.jpg


Part. base 2.jpg
Novurania360+Envirude25/Yamaha25-NovamarineRH400+Mercury25-Stilnautica480+Suzuki 40 4T- Marshall M90 RT+Suzuki70 4T/YAMAHA 40/60
Flyer 646+Mercury Optimax 150/Mercury 150 EFI
__________________________________
Di fronte al mare cogliamo la nostra vera dimensione

Avatar utente
Paolo62
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5048
Iscritto il: 19/11/2007, 19:04
Località: Ponte San Nicolò (Pd)

Re: Maquillage Flyer 646

Messaggioda Paolo62 » 27/06/2019, 16:54

ma spiegaci quelle 4 viti per ogni piastra, come si fissano alla pancetta passavanti ? Cioè, come hai inserito il dado di bloccaggio delle stesse ? Oppure sono viti "da legno" ?
Ad essere proprio sincero non mi convince molto come soluzione, nel senso che risolve sicuramente il problema del tendalino, ma è una propaggine fuori sagoma che per quanto levigata ed arrotondata rischia, per quello che vedo, di diventare pericolosa nel movimento attorno alla plancetta, un piede, il fianco di una persona che scivola..... non so, vista così mi da quest'impressione. Ma so che tu sei molto attento e mi par strano..... forse sono io che da queste foto, non riesco a capire come possa non essere sporgente !
Siamo qui per portare la nostra opinione o esperienza, non per avere ragione!
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Immagine

Avatar utente
Blackfin
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9840
Iscritto il: 01/05/2005, 18:59
Gommone: Flyer 646 + Mercury 150 EFI
Motore: Mercury 150 EFI
Località: Castenaso (BO)

Re: Maquillage Flyer 646

Messaggioda Blackfin » 27/06/2019, 23:11

Eccomi. Premetto che ogni soluzione è una soluzione e non la soluzione, ognuno decide in base alle proprie capacità e punti di vista.
Parto dal secondo dubbio che hai manifestato. Intanto chiariamo una cosa fondamentale: ho parlato di trincarini non di passavanti. Probabilmente, caro Paolo, sei stato fuorviato nel discorso dall’aver posseduto un MarcCo Altura. In quest’ultimo sui tubolari sono incollati i passavanti con trattamento antisdrucciolo perché non c’è altro modo per accedere dal posto di guida all’area “balneare”.
Nel Flyer invece il passaggio (uno) c’è e non si trova sui tubolari ma tra il divano posteriore e il tubolare/trincarino dx. I trincarini che ho utilizzato sono parte della struttura in vetroresina che accoglie anche il gavone posto sotto il divano posteriore. Su entrambi i trincarini sono collocate le maniglie inox tientibene (per chi è seduto sul divano) e gli stessi fanno da base al rollbar. Il passavanti è costituito da due gradini e chi lo utilizza in nessun caso ha la possibilità di toccare ne’ piedi, né mani perché di solito nel passaggio ci si tiene al rollbar che si protende verso l’avanti e neanche il capo (per i non giganti come me) perché fuori dalla portata di chi cammina sul pagliolato (che è più basso dei gradini). Metto qualche immagine (realizzata prima di saldare sulle piastre la nervatura di irrigidimento) che può aiutare a capire:

Passaggio lat prec.jpg


Qui è ancora montato il vecchio tendalino (interno ai tubolari) in basso si vede il passavanti a gradini, a sx il gavone posteriore (sotto il divano) a dx il roll bar che scavalca i gradini e si protende in avanti. La piastra reggitendalino nuovo è decisamente fuori portata da qualsiasi impatto accidentale sia interno sia esterno (anche a tubolari sgonfi) come si vede anche sul lato sx . Dato che il tendalino è concepito (spiegherò meglio in prossimo post) per stare sempre montato è piuttosto difficile che qualcuno si sieda sul tubolare troppo vicino alla piastra (ci sono almeno 6 posti a sedere fronte marcia con relative imbottiture)

Pianta ingombri base2.jpg


Veniamo ora ai dubbi sul fissaggio delle piastre. Non a caso avevo parlato di viti M5 ed M6 e non di viti autofilettanti da legno. Ecco quello che ho ideato e realizzato:

Contropiastra base2.jpg

Questa è la lavorazione della parte inferiore della contropiastra interna al trincarino (c’è dello spazio utile seppur minimo tra tubolare e trincarino accessibile dal gavone posteriore), ai quattro angoli si vedono disegnati i centri in corrispondenza delle viti, il contorno della contropiastra riprende la forma interna del trincarino, la posizione delle viti è riportata identica nelle due piastre inox. La contropiastra è scavata per alleggerirla e permettere una migliore impregnazione con resina epox per irrigidirla e renderla completamente impermeabile;

Contropiastra con inserti filettati3.jpg


nella faccia superiore, prima di applicare la resina epox sono state inserite 4 bussole in ottone con fori di bloccaggio con resina: Dettaglio:

Contropiastra con inserti filettati2.jpg


Ed ecco predisposta la contropiastra con viti e dadi di serraggio per l’incollaggio:

Contropiastra con inserti filettati4.jpg


Data la scomodità nell’accedere ai ridotti spazi disponibili (non so come ho fatto ma sono riuscito con veri e propri contorsionismi), una volta catalizzata la resina epox, per l’incollaggio all’interno del trincarino, mi sono avvalso di normale adesivo poliuretanico strutturale, visto che sotto sforzo l’adesione viene rafforzata dall’azione delle viti. Ecco le viti in trazione per l’incollaggio:

Incollaggio contropiastra2.jpg


Incollaggio contropiastra3.jpg


Spero sia un po’ più chiaro.
Novurania360+Envirude25/Yamaha25-NovamarineRH400+Mercury25-Stilnautica480+Suzuki 40 4T- Marshall M90 RT+Suzuki70 4T/YAMAHA 40/60
Flyer 646+Mercury Optimax 150/Mercury 150 EFI
__________________________________
Di fronte al mare cogliamo la nostra vera dimensione

Avatar utente
Paolo62
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5048
Iscritto il: 19/11/2007, 19:04
Località: Ponte San Nicolò (Pd)

Re: Maquillage Flyer 646

Messaggioda Paolo62 » 28/06/2019, 6:53

Quindi hai fatto una contropiastra in legno e sei riuscito ad infilarla là sotto..... Chiaro !! Così mi convince di più. :bene:
Circa la sporgenza....ognuno conosce il proprio utilizzo del mezzo e quindi, come già scritto, mi sembrava strano che non l'avessi valutata. Non ci resta che vedrà all'opera !! :clap: :clap:
Siamo qui per portare la nostra opinione o esperienza, non per avere ragione!
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Immagine

Avatar utente
Blackfin
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9840
Iscritto il: 01/05/2005, 18:59
Gommone: Flyer 646 + Mercury 150 EFI
Motore: Mercury 150 EFI
Località: Castenaso (BO)

Montaggio flap su Era Ora

Messaggioda Blackfin » 07/08/2019, 8:35

Dopo tutti i discorsi teorici e l'avvenuto montaggio dei flaps sono in grado di mostrare (grazie a Ester Seat per la sua abilità nel produrre ottime riprese dal suo MarCo 23) il risultato in navigazione. La ripresa è stata effettuata con circa 18 nodi di scirocco con provenienza onde (sui 50 cm. + onde di scia di altri battelli) da poppa.

https://youtu.be/MPMimKPeidU

Novurania360+Envirude25/Yamaha25-NovamarineRH400+Mercury25-Stilnautica480+Suzuki 40 4T- Marshall M90 RT+Suzuki70 4T/YAMAHA 40/60
Flyer 646+Mercury Optimax 150/Mercury 150 EFI
__________________________________
Di fronte al mare cogliamo la nostra vera dimensione

sergetto
Abituale
Messaggi: 1038
Iscritto il: 22/07/2014, 10:45
Gommone: Novamarine RH540
Motore: Mariner 90 ELPTO

Re: Montaggio flap su Era Ora

Messaggioda sergetto » 07/08/2019, 9:28

Blackfin ha scritto:Dopo tutti i discorsi teorici e l'avvenuto montaggio dei flaps sono in grado di mostrare (grazie a Ester Seat per la sua abilità nel produrre ottime riprese dal suo MarCo 23) il risultato in navigazione. La ripresa è stata effettuata con circa 18 nodi di scirocco con provenienza onde (sui 50 cm. + onde di scia di altri battelli) da poppa.

https://youtu.be/MPMimKPeidU



Flaps tutti giù?

Avatar utente
Blackfin
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9840
Iscritto il: 01/05/2005, 18:59
Gommone: Flyer 646 + Mercury 150 EFI
Motore: Mercury 150 EFI
Località: Castenaso (BO)

Re: Maquillage Flyer 646

Messaggioda Blackfin » 07/08/2019, 10:43

Assolutamente no. Regolati "a sfiorare" 2 led.accesi su 5 (o 6 non ricordo adesso)
Novurania360+Envirude25/Yamaha25-NovamarineRH400+Mercury25-Stilnautica480+Suzuki 40 4T- Marshall M90 RT+Suzuki70 4T/YAMAHA 40/60
Flyer 646+Mercury Optimax 150/Mercury 150 EFI
__________________________________
Di fronte al mare cogliamo la nostra vera dimensione

zikiki
Abituale
Messaggi: 828
Iscritto il: 01/04/2012, 18:49
Gommone: Bat 660 Indian
Motore: Mercury optimax 150
Località: roma

Re: Montaggio flap su Era Ora

Messaggioda zikiki » 07/08/2019, 12:30

Blackfin ha scritto:grazie a Ester Seat


Ciao black

Il filmatino è molto breve l assetto sembra ottimo.
Non sono pratico di flap quindi immagino che su condizioni come quelle del video non incida poi così tanto rispetto ad un trim negativo...... Sbaglio?

P. S. Ma Ester è quella di nautica biograd?

Ciao e buona vacanza

Avatar utente
Blackfin
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9840
Iscritto il: 01/05/2005, 18:59
Gommone: Flyer 646 + Mercury 150 EFI
Motore: Mercury 150 EFI
Località: Castenaso (BO)

Re: Maquillage Flyer 646

Messaggioda Blackfin » 07/08/2019, 16:07

1°: le differenze non sono enormi ma apprezzabili da un timoniere smaliziato. Esempio del filmato: mare di poppa senza flap il trim non va negativo ma positivo per evitare ingavonamenti o, quantomeno impuntamenti nell'onda;
Con i flap si può tenere lo stesso un trim leggermente positivo per l'assetto ma con un filo di flaps se si incontrano onde di prua la carena lavora per tutta la lunghezza senza modificare sensibilmente l'angolo di corsa perché se aumenta intervengono le superfici dei flaps a controllarne l'escursione riportandolo nei limiti impostati;
2°: sì, anche se ha ceduto l'attività di noleggio gommoni. Siamo amici e si esce quasi sempre insieme.
:bene: Grazie, le vacanze scorrono bene
:d:
Novurania360+Envirude25/Yamaha25-NovamarineRH400+Mercury25-Stilnautica480+Suzuki 40 4T- Marshall M90 RT+Suzuki70 4T/YAMAHA 40/60
Flyer 646+Mercury Optimax 150/Mercury 150 EFI
__________________________________
Di fronte al mare cogliamo la nostra vera dimensione

zikiki
Abituale
Messaggi: 828
Iscritto il: 01/04/2012, 18:49
Gommone: Bat 660 Indian
Motore: Mercury optimax 150
Località: roma

Re: Maquillage Flyer 646

Messaggioda zikiki » 07/08/2019, 17:46

Scusami

Ho riletto ora che il mare era di poppa... Mentre scrivevo non so perché ho invertito la direzione.... Comunque a parte la mia svista presumo che il concetto vada bene per entrambe i sensi.

:bene:

Avatar utente
Blackfin
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9840
Iscritto il: 01/05/2005, 18:59
Gommone: Flyer 646 + Mercury 150 EFI
Motore: Mercury 150 EFI
Località: Castenaso (BO)

Re: Maquillage Flyer 646

Messaggioda Blackfin » 10/08/2019, 9:35

Correggo quanto affermato sopra, i led indicatori degli step di regolazione dei flaps sono in totale 8. Aggiungo che ieri nel canale di Pasman c'era maestrale con corrente in senso contrario, in queste condizioni si generano onde corte, alte 80 - 90 cm. E molto ripide. Con onde di prua ho dato 6 tacche di regolazione giù. ma a 18 - 19 nodi 3000 giri e navigazione mossa ma senza impatti duri Era Ora faceva 1 ml/lt.
Novurania360+Envirude25/Yamaha25-NovamarineRH400+Mercury25-Stilnautica480+Suzuki 40 4T- Marshall M90 RT+Suzuki70 4T/YAMAHA 40/60
Flyer 646+Mercury Optimax 150/Mercury 150 EFI
__________________________________
Di fronte al mare cogliamo la nostra vera dimensione

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.



Torna a “Guida al "fai da te" sulla Vetroresina”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti