Struttura porta motore sedili posteriori auto

Consigli utili sul "fai da te" : Autocostruzione o riparazione del gommone, Riparazione dei tubolari hipalon neoprene o pvc, Allestimenti della coperta , cuscinerire. rivestimenti vari . Pulizia tubolari .
Regole del forum
In questo Forum si inseriscono solo Topic che descrivono passo passo i nostri lavori "Fai da te" con lo scopo di fungere da apprendimento ed essere utili a tutti.
Non aprite Topic per porre domande.
I tutorial si possono aprire a puntate . Non si possono porre domande prima che l'autore non abbia completato il tutorial.
Specificare quando il tutorial viene suddiviso in più parti.
Un tutorial è un metodo di trasferimento delle conoscenze e può essere utilizzato come una parte di apprendimento .
Più interattivo e specifico di un libro o una lezione , un tutorial cerca di insegnare con l'esempio e fornire le informazioni per completare un determinato compito.
Psicogiova
Attivo
Messaggi: 45
Iscritto il: 04/09/2019, 22:02

Struttura porta motore sedili posteriori auto

Messaggioda Psicogiova » 06/01/2020, 16:34

Ciao a tutti.
Vorrei mostrarvi una idea un po' stramba che ho messo a punto in questi giorni di feste. Una struttura per poter alloggiare il motore sui sedili posteriori dell'auto per liberare la bauliera nei casi di vacanza o fine settimana fuori.
Ho usato quadrelli di ferro di 2 cm molto resistente, rinforzati nei punti critici dei passanti orizzontali con barre filettate di 1,2 cm fissate con dadi antisvito.
In alto una struttura di legno a L per adagiarsi sulla parte alta del seggiolino, rivestita di gomma piuma.
Posto alcune foto per rendere l'idea:
1. questa come si vede da fuori senza motore

1.jpg
1.jpg (51.41 KiB) Visto 148 volte


2. questa che mostra dove puntellano i piedi della struttura, ovvero alle guide del seggiolino guidatore

2.jpg
2.jpg (53 KiB) Visto 148 volte


3. questa con la bestia montata sopra che appoggia sulla pinna anticavitazione

3.jpg
3.jpg (56.8 KiB) Visto 148 volte


4. e infine dove avevo pensato di ancorare tutto (ai punti di carico in bauliera)

4.jpg
4.jpg (63.94 KiB) Visto 148 volte


In realtà i punti di ancoraggio devo ancora studiarli per bene, ma usando i punti saldi dell'auto e cime e cinghie resistenti non dovrei aver problemi.
Più che altro volevo rialzare il motore per non far gravare tutto il peso sulla pinna.
Come scrivevo su questa sarebbe la soluzione per le condizioni di carico massimo delle vacanze e ovviamente per trasportarlo più verticale possibile. Messo in bauliera disteso non mi permette di mettere tante altre cose in più...
Aggiungo, poi, che caricarlo in verticale così è una passeggiata, più che metterlo disteso...
Alla fine è come avere una persona di poco più di 50Kg dietro.





Condividi




Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
Paolo62
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5201
Iscritto il: 19/11/2007, 19:04
Località: Ponte San Nicolò (Pd)

Re: Struttura porta motore sedili posteriori auto

Messaggioda Paolo62 » 06/01/2020, 16:54

Buona idea, l'importante è che sia ben ancorato allo schienale affinché non si muova in caso di frenata brusca.
Il Tohatsu 18 è stato il mio primo motore con il quale facevo navigare il Quicksilver 420 HDI. Andava sempre molto bene. In realtà l'ho usato solamente 3 stagioni quindi non posso dire granché, però, finché l'ho avuto, mi ha sempre portato ove volevo.
Siamo qui per portare la nostra opinione o esperienza, non per avere ragione!
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Immagine

Psicogiova
Attivo
Messaggi: 45
Iscritto il: 04/09/2019, 22:02

Re: Struttura porta motore sedili posteriori auto

Messaggioda Psicogiova » 11/01/2020, 17:38

Paolo62 ha scritto:Buona idea, l'importante è che sia ben ancorato allo schienale affinché non si muova in caso di frenata brusca.
Il Tohatsu 18 è stato il mio primo motore con il quale facevo navigare il Quicksilver 420 HDI. Andava sempre molto bene. In realtà l'ho usato solamente 3 stagioni quindi non posso dire granché, però, finché l'ho avuto, mi ha sempre portato ove volevo.


Grazie! Sto perfezionando ulteriormente il progetto.
Spero che anche il mio motore continui il suo lavoro nel migliore dei modi con il t38 che ho preso. Non l'ho ancora provato in acqua, non vedo l'ora. Messo in moto più volte, a parte nei primi 2-3 minuti di riscaldamento in cui regge il minimo a pelo, poi gira che è una bellezza.

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.



Torna a “Guida "fai da te Autocostruzione o Riparazione e pulizia tubolari e cuscinerie”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti